DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

Il servizio di Educativa Domiciliare supporta i nuclei familiari che si trovano in stato di disagio sociale di gravità medio – lieve per situazioni multiproblematiche o per difficoltà anche temporanea, che incidono negativamente sull’esercizio della funzione educativa genitoriale e quindi, sulla possibilità di assicurare un’armonica crescita psicofisica ed un’adeguata socializzazione dei minori. A titolo esemplificativo e non esaustivo, il servizio viene attivato in presenza di:

  • minori che manifestino disadattamento e/o disagio socio-relazionale;
  • minori in condizioni di trascuratezza morale e materiale tali da non richiedere interventi di allontanamento;
  • minori sottoposti a provvedimenti degli Organi giudiziari (Tribunale Ordinario, Tribunale per minorenni, Giudice Tutelare/Procura minorile).

Il servizio consente di intervenire sulle dinamiche familiari allo scopo di sostenerne la genitorialità, infatti consiste nel sostegno alle funzioni educative genitoriali offerto alle famiglie in modo individuale e limitato nel tempo, per particolari momenti di problematicità familiare e all’interno di un progetto socio-educativo atto a sostenere i diritti del/della minore e le responsabilità genitoriali.

Il Servizio, agendo in un’ottica di prevenzione, ha come finalità principale quella di sostenere il ruolo educativo primario della famiglia, favorendo al suo interno un armonico sviluppo dei minori in presenza di problematiche di socializzazione, crescita individuale, disagio socio familiare. La durata dell’intervento può variare a seconda della complessità della situazione, delle resistenze e della recettività del minore.

FINALITA’ DEL SERVIZIO

Il servizio di Educativa Domiciliare concerne interventi mirati a fornire alle famiglie risposte adeguate ai bisogni dei minori.

Pertanto, il servizio persegue i seguenti obiettivi:

– supportare ed accompagnare nella quotidianità i genitori in situazioni di particolare disagio socio-culturale ed ambientale, ad esercitare le proprie funzioni, attraverso interventi domiciliari da parte di personale specializzato (educatori);

– favorire l’integrazione sociale e scolastica dei minori con difficoltà di apprendimento ed inserimento, avvalendosi anche della collaborazione delle associazioni di volontariato presenti sul territorio.

OBIETTIVI DEL SERVIZIO

L’obiettivo dell’intervento è duplice, da un lato mira a sollecitare un certo grado di autonomia nel bambino/ragazzo, facendo leva sulle sue risorse personali; dall’altro tende ad un progressivo passaggio di consegne dall’educatore alla famiglia.

Il servizio di educativa domiciliare ha l’obiettivo di raggiungere i seguenti risultati qualitativi:

– superamento delle disfunzionalità del sistema;

– crescita del minore e delle sue potenzialità;

– crescita del nucleo familiare di appartenenza;

– riduzione di eventuali segnalazioni del Tribunale per i Minorenni;

– riduzione dei casi di istituzionalizzazione

PRESTAZIONI

– Sostegno educativo domiciliarecon predisposizione di progetto specifico per ciascuna famiglia, diretto a potenziare competenze educative, a promuovere l’identità di ciascun membro della famiglia, a riequilibrare lo sviluppo psicofisico del minore, accompagnandolo nell’apprendimento scolastico e nelle forme di socializzazione, con particolare attenzione ai bisogni affettivo-relazionali di ognuno;

– Attività di sostegno allo studio e alla crescita psico-fisica del minore favorendo anche la maggior partecipazione alla vita sociale;

– Parent Education: Azioni mirate a favorire il miglioramento della qualità della relazione genitore/figlio, stimolando la famiglia ad assumere atteggiamenti adeguati alle esigenze di crescita del figlio

1. percezione della genitorialità

2. autovalutazione delle abilità genitoriali

3. laboratori di parent-training attraverso la tecnica dell’ascolto e l’assegnazione di consegne specifiche

4. verifica e valutazione delle abilità genitoriali acquisite.

MODALITA’ DI EROGAZIONE

La progettazione, l’esecuzione e la gestione del servizio dovranno espressamente riferirsi, perseguendone finalità ed obiettivi, alle disposizioni vigenti in materia di gestione di servizi per minori ed in relazione al Piano Assistenziale Individualizzato redatto dall’Assistente Sociale Comunale e dall’Assistente Sociale della Cooperativa Fenice.

PERSONALE OPERATIVO

  • psicologo
  • educatore
  • assistente sociale coordinatore